COVID-19: NESSUNO VA DIMENTICATO! #25

COVID-19: NESSUNO VA DIMENTICATO! #25

“Da questa situazione potremo uscire solo insieme, come umanità intera”
Papa Francesco

La Sezione Migranti e Rifugiati ha inaugurato questo bollettino settimanale alla fine di Marzo, quando l’esplosione di una pandemia globale ha costretto gran parte del pianeta a indire il lockdown. Abbiamo parlato delle iniziative degli attori cattolici che accompagnano le popolazioni vulnerabili in movimento per difendere i loro diritti, per offrire loro assistenza e proteggerli dalla diffusione del Coronavirus.

A Giugno, gli effetti del COVID-19 si sono evoluti, assumendo forme differenti; il che ha portato questo bollettino ad assumere nuovi punti di vista. Abbiamo adottato uno sguardo più attento a quanto stava accadendo a livello nazionale e regionale, senza tuttavia perdere di vista la crisi a livello globale e i suoi effetti sulla protezione internazionale e sull’assistenza delle persone in movimento. 

Oramai il COVID-19 non appare più come un’emergenza transitoria, ma piuttosto come una condizione cronica, parte di una crisi più grande (che include lavoro, clima, conflitti, sfollamento, etc.). Il Santo Padre ha ribadito quanto sia inutile separare i problemi sociali da quelli ecologici. Allo stesso modo Egli ci ricorda quanto sia controproducente pensare in termini di classi sociali, razze e nazionalità, poiché l’unico modo per uscire da queste molteplici crisi è la solidarietà, che significa pensare e agire come “un’unica famiglia dell’umanità”, nella quale ‘NESSUNO VA DIMENTICATO!’.

Nell’adottare tale prospettiva, il bollettino della Sezione M&R allarga i suoi orizzonti, verso una visione più complessa delle sfide attuali. Esso rappresenterà le iniziative che i vari  attori cattolici mettono in atto per assicurare che la società del post-covid sia più accogliente verso gli sfollati e i vulnerabili, più cooperativa tra i vari attori e più attenta ai bisogni della nostra casa comune, dirigendosi verso un’ecologia integrale.

Vi invitiamo a condividere questo bollettino il più possibile e dovunque. Vi chiediamo di comunicarci le iniziative e le buone pratiche di cui siete a conoscenza o a cui avete preso parte, così che possiamo, nei prossimi bollettini, trasmettere buoni esempi che ispirino speranza.

Se desiderate ricevere questo bollettino direttamente al vostro indirizzo email, potete inviare una semplice richiesta a media@migrants-refugees.org

.