Papa Francesco è convinto che sia necessaria un’attenzione speciale affinché quanti si trovano costretti ad emigrare non siano esclusi o dimenticati e possano partecipare alla crescita comune. È questa la missione che ha affidato nel 2017 alla Sezione Migranti e Rifugiati.

IL PAPA DEL POPOLO

A Lampedusa e a Lesbo, punti di transito fondamentali in Italia e in Grecia, Papa Francesco ha pianto con i migranti e rifugiati che erano lì stipati. Sul suo volo di ritorno ha portato alcune famiglie di rifugiati siriani a vivere in Vaticano.

SIAMO IL CAMBIAMENTO DI CUI HANNO BISOGNO

In risposta alla sua esperienza a Lampedusa e Lesbo, la Sezione Migranti e Rifugiati, diretta personalmente da Papa Francesco, è un piccolo ufficio vaticano che aiuta la Chiesa e altri ad accompagnare coloro che sono costretti a fuggire e assicurarsi che non vengano esclusi o lasciati indietro.

 

 

IL NOSTRO TEAM È GLOBALE

La Sezione Migranti e Rifugiati aiuta la Chiesa intorno al mondo a accompagnare coloro che sono forzatamente sfollati da conflitti, catastrofi naturali, persecuzioni o povertà estrema, coloro che con difficoltà cercano di mettersi in salvo o sono rimasti bloccati, e coloro che sono vittime di tratta.

La Nostra Squadra